De-formazioni paramilitari

Dopo l’esperienza televisiva della serie televisiva La Caserma [i] (sulla quale a suo tempo espressi il mio pensiero con una nota in lingua napolitana [ii]) nella nostra ‘repubblica che ripudia la guerra’ prosegue in varie forme, anche fuori dei canali istituzionali delle forze armate, una crescente propaganda militarista.  Grazie alla segnalazione di un amico, ad esempio, ho scoperto che la romana Nissolino Academy (che si autodefinisce “esclusiva accademia di formazione ad indirizzo militare per i giovani meritevoli che ambiscono ai futuri quadri direttivi delle Forze Armate e delle Forze di Polizia[iii] ) ha pubblicamente lanciato la sua proposta di bootcamp, un addestramento militare accelerato per giovani volenterosi e motivati [iv]. Nella pagina del sito dedicata a questa formazione paramilitare (ma loro la chiamano “propedeutica alla vita militare”…) si precisa che è riservata a 20 ultradiciassettenni di entrambi i sessi da selezionare, che ha una durata abbastanza limitata (dal 29 agosto al 9 settembre prossimi), e che costa 1.800 euro. Si aggiunge che:

«le attività e le challenge del Nissolino Academy Bootcamp saranno riprese dalle videocamere di Skuola.net, per dare vita a un docu-reality suddiviso in 7 puntate, che sarà trasmesso online a partire da Maggio 2022». [v]

Il copione dell’iniziativa, visto il taglio mediatico, sembra il solito concentrato militarista di retorica, atletismo, disciplina e ‘spirito di squadra’. Il programma del campo-scuola per aspiranti combattenti, infatti, è stato così dettagliato:

«Attività ludico-addestrative > addestramento formale (alzabandiera, ammainabandiera, adunata, marcia, ecc.) – prove ginnico sportive – gare di orienteering – esercitazioni di softair – camuffamento militare – movimento tattico diurno e notturno. Attività psicoattitudinali > test della personalità – test psicoattitudinali – test motivazionali» [vi].

Né più né meno di quanto è stato ammannito a chi ha seguito le puntate de La Caserma, ivi compreso l’inserimento di un monitoraggio psicologico di tale addestramento, da cui ovviamente dovrebbe dedursi la rapida ed immancabile evoluzione della personalità degli anonimi ed individualisti giovanotti/e partecipanti, prodigiosamente trasformati dal corso in veri e propri soldatini.

Il percorso ‘formativo’, per ammissione degli stessi organizzatori, è frutto sia di una rigorosa routine paramilitare sul piano comportamentale, sia della educazione ad alcuni consolidati valori etico-patriottici sul piano mentale.

 «Il ripetersi della sveglia, dell’alzabandiera, dei pasti e delle attività svolte in gruppo, dormire nelle camerate e condividere le gioie e i sacrifici, crea fra i cadetti un senso di appartenenza promuovendo maturazione e crescita personale […] Chi sceglie di indossare la divisa solitamente è spinto dalla passione e dalla condivisione di valori fondamentali come coraggio, disciplina, rispetto, obbedienza, patriottismo, spirito di sacrificio, altruismo e senso del dovere. Scegliere la vita militare vuol dire anche essere pronti a stare lontani dalla famiglia e dagli affetti più cari, favorendo istinto di indipendenza e capacità di adattamento a situazioni nuove». [vii]

Voglio pure sorvolare sull’evidente contraddizione tra un addestramento basato su obbedienza e disciplina gerarchica e promozione di personalità mature e ‘indipendenti’. Però non posso fare a meno di sottolineare l’artificiosità dell’esito finale di questo corso accelerato di convivenza ‘cameratesca’ e di formazione allo spirito di ‘corpo’. L’adattamento alle norme d’una struttura organizzativa improntata a criteri opposti a quelli cui i /le giovani sono abituati, infatti, deriva solo dalla full immertion in un mondo parallelo a quello ‘civile’, scandito da regole ferree e indiscutibili, cui si può solo ubbidire in maniera “pronta, rispettosa e leale”. [viii]

Certo, chi sceglie questo genere di percorso avrà già acquisito un’impostazione di un certo tipo, visto che si tratta di un’esperienza volontaria. Però molto incide il clima spersonalizzante e gerarchico su cui si fonda l’istituzione militare e l’insistenza autoreferenziale sul fatto che sarebbe una ‘preparazione’ a 360 gradi (didattica, psico-attitudinale, atletica e perfino nutrizionale [ix]), lasciando intendere che solo in uniforme e stando in riga tutto ciò sia davvero possibile.

Un altro leit-motiv propagandandistico di questi addestramenti pre/para-militari è l’insistenza sul concetto di ‘sfida’ (spesso declinato nella forma inglese challenge). Non a caso, infatti, nella pagina web introduttiva della Nissolino Academy Bootcamp si sottolinea:

«…l’opportunità di confrontarsi per 12 giorni con i ritmi della vita militare, sfidando costantemente se stessi e i loro compagni di squadra. Il Nissolino Academy Bootcamp è riservato ai giovani più meritevoli che mostreranno spirito di iniziativa, impegno, forza, costanza e collaborazione». [x]  

Che il ‘confronto’ non si riduca per forza ad una ‘sfida’, oppure che lo spirito d’iniziativa e di collaborazione non siano affatto una prerogativa di chi veste la divisa, non sfiora nemmeno la mente degli addestratori militari. Un altro elemento attrattivo consiste poi nel presentare questi massacranti dodici giorni d’immersione nella realtà degli sturmtruppen come se si trattasse d’una vacanza impegnativa ma, tutto sommato, quasi ludica.  Leggiamo infatti:

«Questa è la tua occasione per dimostrare quanto vali. Credi in te stesso, non perdere di vista l’obiettivo e tira fuori tutta la determinazione che hai…senza dimenticare di divertirti!». [xi]  

Non a caso nello stesso testo si utilizzano termini come camouflage (“occultamenti, travestimenti e altri accorgimenti ingannevoli”); orienteeringricerca di un certo numero di obiettivi elencati in una mappa, attraverso la scelta del percorso più breve») oppure softairattività ludico-ricreativa basata sulla simulazione di azioni militari, senza tuttavia essere violenta. I ragazzi indosseranno dispositivi di protezione individuale e utilizzeranno riproduzioni di vere armi da fuoco che sparano piccoli pallini di plastica biodegradabili, totalmente innocui…»).  Un grande ed appassionante gioco a squadre, insomma. Una specie di campo-scuola a metà fra campeggio estivo e formazione scoutistica, dove si sparano allegramente proiettili di plastica in attesa di sparare, col tempo, quelli un po’ meno degradabili ed un po’ più letali… Altro che partecipazione ai campi estivi per educare alla pace ed alla trasformazione nonviolenta dei conflitti! Lì s’impara il “movimento tattico”, si forma alla “leadership” e si prepara ad attività “multitasking”, accrescendo nei fortunati giovani partecipanti il “livello di ambizione”.

Che dire? Quello che mi preoccupa non è tanto il ‘camouflage’ da meritorio ente formativo di un ente privato che addestra a pagamento i nostri giovani a diventare bravi ed ubbidienti soldatini. Il vero problema è la pervasiva militarizzazione della società, della cultura e perfino del linguaggio quotidiano, cui in troppi si stanno assuefacendo, senza battere ciglio. Imparare ad ubbidire agli ordini e ad eliminare fisicamente gli avversari non può essere frutto di una ‘formazione’, ma piuttosto il risultato di una crescente deformazione ideologica ed etica, cui vanno contrapposti ben altri valori ed obiettivi. Concludo quindi con le parole di don Milani:

«E allora (esperienza della storia alla mano) urgeva più che educaste i nostri soldati all’obiezione che all’obbedienza. L’obiezione in questi 100 anni di storia l’han conosciuta troppo poco. L’obbedienza, per disgrazia loro e del mondo, l’han conosciuta anche troppo…». [xii]

© 2021 Ermete Ferraro


N o t e :

[i]  Vedi: https://www.raiplay.it/programmi/lacaserma

[ii] Ermete Ferraro, “ ‘A caserma nunn’è na scola ”, Napoli , quotidiano gratuito, 30.01.2121 > https://www.quotidianonapoli.it/2021/01/30/a-caserna-nunn-e-na-scola/?fbclid=IwAR1bDftCDTq0vnmY4Ebcq0HkpxAM6nFusARax6V7d3iLmgKyGY81wQTi50U

[iii] Vedi: https://www.nissolinoacademy.it/

[iv] Vedi: https://www.nissolinoacademy.it/nissolino-academy-bootcamp/?fbclid=IwAR2ZzLFtInF7kDoUM7UdL7y7dcPIXk0MSm7AfYQDAD0OrXe5tWpE16xi68Y

[v]   Ibidem

[vi]  Ibidem

[vii]  https://www.nissolinoacademy.it/vita-militare/

[viii] Cfr. art. 5, comma 1, del Regolamento  di Disciplina militare > https://www.peacelink.it/pace/a/76.html

[ix] Cfr. https://www.nissolinoacademy.it/vita-academy/

[x]  Vedi: https://www.nissolinoacademy.it/nissolino-academy-bootcamp-esperienza-vita-militare/

[xi]   Ibidem

[xii]  https://www.famigliacristiana.it/articolo/l-obbedienza-non-e-piu-una-virtu-il-testo-di-don-lorenzo-milani.aspx

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.